Condividi, se ti va.

  • LinkedIn - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Instagram - Black Circle

Contatti

Compila il modulo per richiedere un preventivo o per ricevere più informazioni sui nostri prodotti.
Risponderemo in (molto) meno di 24 ore, e senza spam.

Il tuo diritto alla privacy è una cosa molto seria. 

Perché siamo scrittori fantasma: la confidenzialità delle informazioni, per noi, è importante quanto l'igiene in una sala operatoria. È l'ambiente che ci permette di lavorare. Per questo, i dati che ci invii per essere ricontattato, non verranno utilizzati per nessun altro motivo, né ceduti a terzi. Mai.

Loscrittorefantasma.com e iper-editing.com sono marchi di Roberta Giulia Amidani, la penna che si fa chiamare "fantasma madre".

Una recensione in stile adolescenziale

Ve lo devo dire, oggi ho letto un libro troppo figo, A Disabilandia si tromba di Marina Cuollo. Oh non pensate male, mica è una roba porno.  È un libro normale. Cioè normale come i libri che leggono i nostri vecchi. Sì, ma non è una roba pallosa di quelle che ti fanno tagliare le vene e via dicendo. Anzi, è una roba proprio da spaccarsi dalle risate. Sì ma cioè non è un libro scemo eh, non è come quelle cose che fanno ridere tipo lo zoo di 105, è pure un po' una roba seria, tipo che ti fa ridere ma ti fa anche riflettere. Cioè tu stai lì tranquillo che leggi, ti pieghi in due dalle risate, però poi fai "cazzo ma è vero, una roba così è successa anche a me", tipo. La cosa bella è che parla di disabili e di normodotati e di un sacco di situazioni della vita, tipo la scuola, la famiglia, il lavoro, cazzo perfino la morte. E ti ci immedesimi anche un sacco. Però praticamente il punto centrale è che parla di discriminazioni e pregiudizi, però vorrei dire che certe cose capitano a tutti eh, mica solo ai disabili. Per dire, io sento parecchia musica un po' rock tipo My Chemical Romance e cose così, e subito la gente pensa che io sia una di quegli emo depressi pronti a tagliarsi le vene. E invece no, cavolo, manco per niente. Pensano di sapere tutto di me senza conoscermi. Assurdo. Per questo sto libro è bello, perché ti ci ritrovi anche se non parla di robe che ti riguardano. E insomma, niente raga, dovete leggerlo.

#EserciziDiStile

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Categorie

Please reload

Extra

Post recenti

Please reload

Scopri gli altri trucchi della gang dei ghostwriter

Please reload