Condividi, se ti va.

  • LinkedIn - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Instagram - Black Circle

Contatti

Compila il modulo per richiedere un preventivo o per ricevere più informazioni sui nostri prodotti.
Risponderemo in (molto) meno di 24 ore, e senza spam.

Il tuo diritto alla privacy è una cosa molto seria. 

Perché siamo scrittori fantasma: la confidenzialità delle informazioni, per noi, è importante quanto l'igiene in una sala operatoria. È l'ambiente che ci permette di lavorare. Per questo, i dati che ci invii per essere ricontattato, non verranno utilizzati per nessun altro motivo, né ceduti a terzi. Mai.

Loscrittorefantasma.com e iper-editing.com sono marchi di Roberta Giulia Amidani, la penna che si fa chiamare "fantasma madre".

Un anno da fantasma

È stato un anno pazzesco.

Un po’ come quando andavo io alle Orsoline
grembiule nero, colletto bianco, quella roba lì
e c’era madre Vittoria che della mia classe diceva che fosse la peggiore di sempre
mai vista una classe così.
E poi è saltato fuori che lo diceva di tutte le classi.
Mica solo della nostra.
Fatto sta che sento un sacco di gente che si lamenta del 2017.
Menomale che è finito - dicono
Non se ne poteva più.
L’anno peggiore di sempre.
Ta-daam - madre vittoria è viva!
…Invece io sono contenta.
Ho pagato uno sproposito di tasse, ok, troppe, uno sfacelo di tasse e non è che durante questo 2017 sia andato tutto liscio, ma è stato un anno fighissimo, il migliore di sempre.
Perché?
…A gennaio abbiamo mandato in stampa l’editing del meta-romanzo di Lorenzo Rusconi, “The Backgammon player”
e “Abyssus Abyssum Invocat”, mentoring per Luisa Pesarin.

E poi siamo partiti su un’isola, in  mezzo a una cifra di personaggi famosi 
tutti morti e nessuno sano
per L’isola dei famosi morti per droga
di Ray D’Orta.

 

A febbraio abbiamo mandato al diavolo un fuffologo
traducendo dal cinese il tao. 

 

A marzo abbiamo fatto l'editing per Mario Moroni, "Start up di merda", uscito a settembre.

Ad aprile abbiamo scritto un libro in ghost al 100% 
quindi ssht...

 

E abbiamo assistito all’uscita di due nostre autrici:
Marina Cuollo con “A disabilandia si tromba”, Sperling & Kupfer
e Mara Scarponi, “Princesa maldita”, Ponte Vecchio.

A maggio abbiamo fatto i ghostwriter in chiaro per la più spettacolare delle parodie: “Codice Secerè”, di Robert Secerè, pubblicato da UnoEditori a dicembre.

Da maggio a luglio abbiamo lavorato su due romanzi per Andrea Aromatico: un thriller storico e un super fantasy sui quali torneremo alla fine della stagione di caccia.

Ad agosto abbiamo preso il sole, mangiato all’aperto e letto una cifra.
E abbiamo impostato un saggio in ghost. Roba seria, ma segreta, quindi ciccia.

A settembre siamo partiti con il primo editing di un giallo all’italiana, “Il senso di colpa”, di Mauro Lena e Penny Sinclair, ripreso a dicembre per il secondo editing.

Ottobre è volato su Tiger Blues, manoscritto geniale firmato da Jimi B. Jones.

Novembre e dicembre ci hanno proiettato su un altro pianeta, avanti veloce, e di là dall’oceano.

 

Nel frattempo, da gennaio a oggi, abbiamo seguito i blog di 
desiderare property finding
risarcimentimedici.it


Siamo arrivati a quota 50.
Cinquanta libri finiti e consegnati
44 autori felici
20 editing fortunati
4 mentoring fighissimi.

 

 

La squadra degli ectoplasmi è cresciuta.
Insieme e in singolo, ci siamo nutriti di letteratura.

Durante questo 2017 mi sono anche innamorata.
E non solo dei libri sui quali ho messo gli occhi.

 


 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Categorie

Please reload

Extra

Post recenti

Please reload

Scopri gli altri trucchi della gang dei ghostwriter

Please reload