• Roberta Giulia

FEDE E FANATISMO


Sette e venti. Capito su un video condiviso da un amico**, tre persone in un talk show americano, sulla Fox: il presentatore, una biondina col cerchietto e un comico.

La biondina ha l’atteggiamento composto, compiacente e giusto un filo contrito di una che riesce a dirti cose tremende mantenendo il suo sorriso onnisciente e comprensivo, quello di chi capisce come gira il mondo e vorrebbe aiutare anche a te a capirlo. Il comico è serio. Sulle prime, ribatte appena, incredulo. Alla fine sbrocca e la manda a spigare.

La tesi** della biondina non è tanto importante in sé, ma per quello che rappresenta, ovvero il più esteso affinity group del pianeta, quello dei predicatori. La biondina è una predicatrice: una che sa e che si sente in dovere di diffondere quello che sa per tutti quelli che, poverini, ancora non sanno. Nemmeno il fatto che quello che sa, che lei è davvero convinta di sapere, sia sensato o meno, è rilevante.

Non conta. Ciò che conta è che la biondina sia lo specchio dell’umanità per come la vedo oggi: un gregge di milioni di predicatori, clusterizzati in branchi con etichette diverse ma fini e approcci identici.

I predicatori religiosi, come lei, che credono, e credendo si sentono in dovere di diffondere il loro verbo e la loro chiesa per salvare il mondo. I predicatori politici. I predicatori della scienza, quelli della controinformazione, quelli dei complotti, quelli del denaro, quelli del lavoro, quelli della cultura, quelli del marketing. I predicatori della letteratura, della scrittura, della lettura. Quelli dello sport: i fanatici della corsa, della bici, del biathlon, del cross-fit; quelli della dieta a zona, fast, Ducan e paleo. Quelli dell’amore, dell’atteggiamento zen, del perdono anche per pedofili e pluriomicidi. Quelli della famiglia, quelli pro-vax, quelli anti. Quelli che si battono per i diritti dei gay, quelli che si dannano perché i gay non ne abbiano.

Quelli che si infilano nel verbo essere e dicono che loro sono qualcosa, qualsiasi cosa.

Ecco, questi: sono questi che mi fanno schifo, e un po’ paura.

Sono quelli che mi fanno passare la voglia di andare a teatro, o ai reading, perché di me non si possa mai dire che sono una che va a teatro o ai reading.

Li guardo come guarderei un documentario sugli animali selvatici.

Li guardo tutti.

Li ascolto e sento il marchio che si sono cuciti addosso, anestetizzati dalla fede specifica in cui si sono infilati.

Ogni cluster ha un modo specifico per comunicare, usa parole specifiche, approcci e gerghi specifici dell’appartenenza al clan. Ogni cluster ha una e una sola verità. Quasi mai prove. Solo certezze incrollabili davanti alle quali non c’è bisogno di fondamento, o fonti, ma solo di fede e fanatismo.

Ecco.

Alla domanda di un sondaggio di un altro cluster, o chiesa***

"Qual è l’invenzione peggiore per l’umanità?" [A) denaro; B) religione; C) armi nucleari; D) confini], oggi ho voglia di rispondere F: fede e fanatismo.

* L'amico, nonché gran penna, è Ferdinando Dagostino.

** Per la tesi della biondina: Fox - Ellen farber: Christians against masturbation VS Louie c.k Comedian/Masturbator

*** Anonymous

**** Photo by Harry Miller on Unsplash

#qualèlinvenzionepeggioreperlumanità #fedeefanatismo

29 visualizzazioni

Condividi, se ti va.

  • LinkedIn - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Instagram - Black Circle

Contatti

Compila il modulo per richiedere un preventivo o per ricevere più informazioni sui nostri prodotti.
Risponderemo in (molto) meno di 24 ore, e senza spam.

Il tuo diritto alla privacy è una cosa molto seria. 

Perché siamo scrittori fantasma: la confidenzialità delle informazioni, per noi, è importante quanto l'igiene in una sala operatoria. È l'ambiente che ci permette di lavorare. Per questo, i dati che ci invii per essere ricontattato, non verranno utilizzati per nessun altro motivo, né ceduti a terzi. Mai.

Loscrittorefantasma.com è un marchio di Roberta Giulia Amidani, la penna che si fa chiamare "fantasma madre".